Prostitute in crisi per il Covid: “Zero tutele, vogliamo che il nostro lavoro sia legalizzato”

By Daniela Brucalossi
Il lockdown ha fatto sprofondare anche le lavoratrici del sesso in una grave crisi. Dopo mesi di inattività, ora devono pagare i debiti arretrati contando sulla metà delle entrate: i clienti infatti offrono cifre molto più basse rispetto a quelle pre pandemia. “Bisognerebbe combattere la tratta di esseri umani ma, allo stesso tempo, legalizzare il lavoro delle sex workers che scelgono autonomamente questo mestiere. Hanno bisogno di tutele sociali”, afferma Pia Covre, ex lavoratrice sessuale e presidentessa del Comitato per i Diritti Civili delle Prostitute.
Continua a leggere

Source:: Fanpage